Menu Chiudi

Videogallery

Introduzione

Programmare l’AMF 2019 è stato senz’altro una questione di passione e competenze, artistiche, amministrative, informatiche, digitali e grafiche ma soprattutto una questione di grande desiderio, ambizione e volontà di coniugare musica e luoghi della musica, in modo che ognuno possa godere di Levanto in musica e della musica a Levanto.
Levanto rappresenta bellezza e armonia, tra vallata e mare, una storia millenaria, architettura rurale, civile e religiosa rappresentativa di diverse epoche nonché qualità nella ricettività, nella eno-gastronomia, nella accoglienza, nelle produzioni locali: tutto ciò converge nell’AMF 2019, con tanta cooperazione di tanti soggetti, residenti, volontari, amministrazione, commercio, operatori, tecnici.
Un grande regalo per Levanto, l’AMF2019, ma anche- e soprattutto- l’occasione per dimostrarne capacità e potenzialità.
Quanto all’offerta musicale, il pubblico ne potrà apprezzare la varietà e la qualità: la coniugazione del multiforme violoncello, strumento di Massimo Amfiteatrof, in molte delle sue manifestazioni, le molte  contaminazioni, l’occasione fornita a giovani talenti, la cooperazione con i luoghi della formazione musicale, conservatori e liceo musicale liguri e con prestigiosi Festival, grandi nomi, concerti classici, e una rappresentazione teatrale che parla di genio musicale.
Musica, davvero, per tutti, troverete nel programma!
La grafica, concepita e realizzata da un giovane talento, è stata curata per essere chiara e attraente, così come la comunicazione, tramite il sito e i social media, frutto di passione e competenza digitale.
Una particolarità sarà la comunicazione tramite il media partner Radio Levanto Valdivara durante tutto il periodo del Festival… una sorpresa.
La declinazione di AMF2019 in Amfiteatr-off e Amfiteatr-out, consentirà di percorrere i temi musicali con parole e musica e di avere informazioni per vivere il Festival anche tra un concerto e l’altro, godendosi le offerte escursionistiche, gastronomiche, ricettive e commerciali di Levanto.
ENJOY!

Il Cartellone della 28ª Edizione dell'Amfiteatrof Music Festival

Videopresentazione

Scarica la brochure!

Il Programma completo della 28ª edizione, dal 4 luglio 2019

Clicca sull’immagine per accedere al programma completo e scaricarlo.

Il calendario completo

Lug
26
Ven
Amfiteatr-off: Fabio Rinaudo – Racconti di cornamuse… antichi suoni dell’aria @ Auditorium Ospitalia del Mare
Lug 26@18:00
Amfiteatr-off: Fabio Rinaudo - Racconti di cornamuse… antichi suoni dell’aria @ Auditorium Ospitalia del Mare

Da circa duemila anni la cornamusa è presente nel panorama degli strumenti musicali e nonostante l’età esercita sempre un grande fascino sugli ascoltatori. Non sarebbe facile  riassumere in una frase il ruolo che ha svolto sia nella musica dei paesi occidentali sia in quella dei paesi medio orientali , ammantandosi di valori simbolici , spirituali ed , ovviamente , musicali .

Nel mondo occidentale è presente con certezza a partire dai tempi della antica Roma .
Diventa poi  uno dei topos nella raffigurazione della  natività nell’ambito dell’arte figurativa a partire dall’alto medioevo . Nei paesi di cultura celtica assume un ruolo estremamente importante all’interno della loro cultura e vita sociale .
E nel barocco assume un ulteriore valore simbolico nell’ambito del movimento dell’Arcadia , al quale è caro il ritorno all’eleganza ed all’armonia delle forme classiche ricercate anche nella purezza del mondo pastorale , simbolo ed espressione della compiuta armonia della Natura .
La lezione vuole presentare la cornamusa raccontandone il suo percorso storico nella musica e nell’arte, dando particolare attenzione agli aspetti legati all’Italia, Francia , Irlanda e Scozia .Attraverso le parole e la musica si spera di poter  comunicare un messaggio che possa essere spunto di riflessione sul grande patrimonio legato alla musica modale ed alla magia del bordone .
Argomenti trattati :
1 )  origine e storia dello strumento
2)   la cornamusa nel medio evo   e nel rinascimento
4)  le cornamuse del periodo barocco ovvero l’ultima generazione di cornamuse
Durante l’incontro verranno eseguiti diversi brani musicali e verranno mostrate immagini di diversi strumenti.

Fabio Rinaudo
musette del morvan  18 pollici,
cornamuse bechonett 16 pollici
Irish Uilleann Pipes
Sordellina ligure